Il processo Eternit à Torino

L’amianto in tribunale o l’eterno ritorno di un caso sanitario

Federico Ferretti (GSPR)

Di questo biglietto esiste anche una versione in francese : Le procès Eternit à Turin. L’amiante au tribunal ou l’éternel rebondissement d’un dossier sanitaire.

Siamo agli ultimi capitoli di un processo, definito “il più importante celebrato finora in Europa riguardo l’ambiente e la salute.”1  Un aspetto abbastanza inedito è il fatto di trovare due miliardari, il magnate svizzero Stéphane Schmidheiny e il barone belga Louis Ghislain de Cartier, opposti a più di 6.000 parti civili, rappresentanti le oltre 3.000 vittime dell’amianto negli stabilimenti italiani della multinazionale Eternit, a Rubiera, Bagnoli e Casale Monferrato. Quest’ultimo comune è di gran lunga il più toccato, visto che il costo umano di questo impianto vi è stimato finora a circa 1.500 morti su una popolazione attuale di circa 35.000 persone. Dopo le ultime repliche degli avvocati della difesa, pronunciate il 21 novembre, il presidente del tribunale Giuseppe Casalbore ha aggiornato il processo al 13 febbraio: “a partire da quella data, quando termineranno tutte le procedure, la sentenza potrà essere pronunciata.”2

In questo biglietto ci proponiamo di affrontare, dal punto di vista della sociologia pragmatica delle controversie e dei suoi strumenti informatici, gli argomenti e i rapporti di forza dispiegati dai vari attori del processo, e in particolare le loro ripercussioni possibili sulle arene pubbliche francesi. Quali sono le poste in gioco di questa vicenda giudiziaria? Qual è l’atteggiamento della stampa francofona riguardo al processo? Gli elementi di risposta che seguono si appoggiano sull’analisi di un corpus di articoli comparsi sulla stampa quotidiana da gennaio 2009 a ottobre 2011, raccolti tramite le banche dati Factiva e Europresse. Tale corpus è stato confrontato, grazie ai programmi Prospéro e Marlowe, al corrispondente corpus italofono, nonché al corpus più generale Amiante 2011, costruito per la base di dati dell’Observatoire informatisé de veille sociologique del laboratorio GSPR.

L’amianto è stato uno dei primi grandi dossier sui quali sono stati testati gli strumenti principali di Prospéro3 e, allo stesso tempo, questo dossier è uno dei primi casi di studio portati a sostegno di una “sociologia pragmatica dell’allerta e del rischio.”4 L’amianto è peraltro un caso emblematico della sociologia dei problemi pubblici5 e dello studio delle controversie, dato che il percorso collettivo che ha portato a un riconoscimento pubblico dei rischi di questo materiale è stato lungo e contrastato, e singolarmente non raggiunge ancora l’unanimità. Questa storia ha un seguito nel processo torinese, che riguarda tutto il periodo in cui Eternit ha prodotto dell’amianto nella Penisola, dal 1951 al suo fallimento nel 1986. Vale dunque la pena soffermarci su questa vicenda.

Il carattere pubblico, politico e sociale della controversia è stato accentuato fin dall’inizio del processo dalla forte mobilitazione popolare che ha portato all’apertura del dossier giudiziario, dopo azioni di denuncia il cui punto di partenza risale al 1976, con una azione rivendicativa “rivolta all’Inail e alla fabbrica di Casale.”6 Una mobilitazione che ha peraltro accompagnato le diverse fasi del processo dal giorno della sua apertura in dicembre 2009. La prima udienza ha visto in effetti, davanti al tribunale, la manifestazione dei parenti delle vittime e dei sindacati di base italiani, con la partecipazione delle associazioni delle vittime di diversi Paesi, come la Francia e la Svizzera.

Dal punto di vista giuridico, la posta in gioco è molto alta: nientemeno che il riconoscimento della responsabilità penale dei padroni per la morte e la malattia dei loro dipendenti per causa professionale. Come ha osservato la stampa svizzera ben prima dell’apertura del processo, “se la colpevolezza degli ex-azionisti maggioritari del gruppo Eternit fosse riconosciuta, questo potrebbe fare giurisprudenza.”7 Ciò potrebbe avere anche conseguenze nella Confederazione, sede della direzione centrale della multinazionale del fibrocemento, dove la maggior parte delle cause di amianto sono attualmente prescritte, visto che la legge fissa come limite per la prescrizione i 10 anni dopo l’estinzione del contratto di lavoro, mentre il mesotelioma può manifestarsi anche dopo più di venti o trent’anni.8

Periodizzare un lungo processo critico

La periodizzazione precedente ci riporta a uno dei problemi principali della veglia sociologica: il cosiddetto “periodo muto”,9 durante il quale un dossier non conosce uscite pubbliche importanti, anche se resta al centro di controversie locali, o delle preoccupazioni di gruppi dotati di scarse risorse mediatiche. Nel caso dell’amianto, non sembra impertinente tracciare un parallelo fra questi periodi di silenzio e la natura stessa del mesotelioma, il cancro tipico dell’amianto, caratterizzato da una lunga fase di latenza. Il lasso temporale suscita del resto serie preoccupazioni su cui numerosi attori tentano di elaborare gli scenari futuri che si potrebbero prevedere riguardo ai prossimi decessi (questione già affrontata da un biglietto precedente).10 In Francia, peraltro, i medici forniscono delle proiezioni abbastanza precise: secondo uno specialista intervistato da Libération, “3000 persone muoiono ogni anno in Francia di un cancro provocato dall’amianto. E gli scienziati dell’Inserm prevedono che questa catastrofe sanitaria provocherà 100 000 morti nel nostro Paese.”11

A proposito del processo di Torino, la stampa francese ha sottolineato per prima cosa la lunghezza della storia politica e giudiziaria che gli sta dietro. “Per la prima volta al mondo gli alti dirigenti della multinazionale de fibrocemento installata in 78 Paesi sono stati toccati: questo processo è il culmine di trent’anni di una lotta incerta, condotta a Casale Monferrato da un singolare fronte di sindacalisti, medici e operai. Un’avanguardia ostinata a cui l’Italia deve la legge che, nel 1992, ha bandito l’amianto dallo Stivale. Cinque anni prima che in Francia.”12 Nell’articolo citato si ripercorre la storia dei primi decessi di massa e della prolungata mancanza di un riconoscimento ufficiale delle loro cause: secondo le testimonianze degli ex-lavoratori intervistati, nello stabilimento di Casale “nessun operaio arrivava alla pensione, ma a ogni decesso la direzione incolpava il tabagismo.”13

In più, se ci sono voluti decenni per riconoscere il problema, ce ne vorranno altri per vederne la fine, visto che secondo i medici della cittadina piemontese “ancora l’anno scorso abbiamo diagnosticato 50 nuovi casi di mesotelioma.”14 Questo si traduce, sul piano nazionale, in una tendenza inquietante, che fa il paio con lo scenario registrato in Francia: secondo l’agenzia Ansa del 24 novembre scorso “l’amianto continua a uccidere in Italia: 3000 vittime all’anno, di cui 1200 per mesotelioma. Al Piemonte, dove aveva sede la più grande fabbrica di prodotti in eternit, va il primato di 200 nuovi ammalati l’anno. E a quasi vent’anni dalla messa al bando della sostanza, restano nel Paese ancora 32 milioni di tonnellate da smaltire.”15

A Casale, il flagello non toccava solo i dipendenti dell’azienda: molte delle vittime non avevano mai messo piede nella fabbrica, ma avevano comunque respirato le sue polveri disperse in atmosfera, o erano entrate in contatto con i vestiti degli operai che rientravano a casa. E’ dunque un’intera comunità che ha fatto le spese dell’amianto. Bisogna intanto sottolineare che questo processo fino al 2009 veniva giudicato improbabile se non impossibile: in Francia, ci si stupisce del volontarismo grazie al quale l’affare è stato trasformato in processo penale. Secondo Libération, Oltralpe “le prime denunce sono state depositate nel 1996 (dopo l’Italia) ma in Francia i tribunali non sono mai stati all’origine di azioni contro i responsabili della catastrofe: sono state le vittime a denunciare. A Torino, c’è una magistratura volontarista ed efficiente; in Francia, una magistratura passiva se non ostile. E i giudici d’istruzione, senza mezzi, hanno difficoltà ad arrivare fino al tribunale penale.”16

Comunque, il clima di intimidazione nel quale molti attori si sono dovuti muovere anche a Torino è stato sintetizzato da una nota de l’Humanité: “l’istruzione è durata cinque anni, durante i quali il magistrato si muoveva scortato da quattro carabinieri.”17

Gli argomenti dell’accusa e della difesa

E’ interessante notare che le temporalità dell’affare sono centrali sia negli argomenti dell’accusa sia in quelli della difesa. I due poli maggiori di questo confronto sono da una parte l’arringa pronunciata il 4 luglio dal procuratore Raffaele Guariniello, e dall’altra gli interventi dei difensori di Schmidheiny e Cartier, a cui sono state dedicate le udienze dell’autunno.

La storia professionale di Guariniello è stata suo malgrado uno degli aspetti che più hanno attirato l’attenzione dei giornalisti francesi: questo magistrato è stato in effetti protagonista di diverse inchieste considerate “scomode” per i cosiddetti poteri forti, dal processo Calciopoli che ha visto la retrocessione in B della Juventus e la condanna di alcuni suoi dirigenti, fino al processo Thyssen-Krupp, istruito dopo la morte di sette lavoratori in un incendio che si è scatenato nella fabbrica torinese della multinazionale tedesca. Quest’ultimo processo ha suscitato una certa preoccupazione negli ambienti padronali, perché ha portato alla più dura sentenza mai vista, ossia 16 anni, per un imprenditore riconosciuto colpevole di un incidente sul lavoro.

Il 4 luglio 2011, Guariniello chiede un’altra condanna più pesante del previsto per gli imputati dell’Eternit: 20 anni per “disastro ambientale doloso e omissione di cautele sui luoghi di lavoro.”18 Dal punto di vista della controversia, gli argomenti salienti del suo discorso sono molto semplici e diretti : dapprima, il magistrato afferma di avere percorso le sentenze definitive dei tribunali italiani riguardo altri disastri ambientali e professionali, ma di non avere “mai visto, né letto”,19 di una tragedia di tali proporzioni come numero di vittime e come distribuzione geografica (dal momento che ha toccato diverse regioni) senza dimenticare che essa continuerà a produrre vittime per un tempo indefinito.

Guariniello afferma che la stessa tragedia si è verificata in altri Paesi dove Eternit era presente, sotto quella che definisce una “direzione unica”.20 Afferma poi che mai un tribunale penale ha chiamato a rispondere quelli che chiama “i veri responsabili”, dunque i danni da giudicare sono enormi.21 Secondo il magistrato, l’inchiesta dimostra che gli imputati “hanno accettato e continuano ad accettare il disastro”,22 dimostrando così una “significativa capacità a delinquere.”23

La premeditazione è affermata dal procuratore quando nel suo discorso considera che i dirigenti coinvolti “erano mossi dalla precisa volontà di negare o di nascondere la natura cancerogena dell’amianto sia ai lavoratori sia alla popolazione.”24 Questa premeditazione sarebbe dimostrata anche da episodi di spionaggio ai danni degli attivisti, e in generale per la raffinatezza di un piano che Guariniello definisce “genialmente preordinato per nascondere ai lavoratori il rischio effettivo.”25

E’ evidente che, date le prove a disposizione, l’accusa non ha bisogno di ricorrere a grandi artifici dialettici, visto che l’affare è già stato portato avanti da decenni di mobilitazione, perizie e controperizie, e da un procedimento penale che sia avvia alla conclusione.

Da parte della difesa degli imputati, assenti al processo, è interessante constatare che i discorsi degli avvocati, almeno nella forma riportata dalla stampa, non rispondono quasi mai alle questioni sollevate dall’accusa, né entrano nella sostanza dei problemi sociali e civili evocati. Nondimeno, gli avvocati chiedono l’assoluzione per i loro clienti: dopo aver tentato più volte di contestare la legittimità del tribunale di Torino, chiedendo di spostare il processo a Genova, dove c’era la sede legale di Eternit-Italia e dove il vantaggio è ovviamente la maggiore lontananza da Casale e dalla mobilitazione popolare, hanno fatto evidentemente ricorso alle classiche tecniche di deviazione del discorso.

I difensori del barone belga hanno affermato che il loro cliente, come membro del consiglio di amministrazione, non si occupava della faccenda, che è stato solo poche volte in Italia26 e che anche se fosse stato informato non avrebbe avuto i poteri per intervenire. Dall’altra parte, i difensori dell’imprenditore svizzero sono stati apparentemente i più aggressivi: hanno contestato ad esempio il diritto dei sindacati e delle altre associazioni delle vittime a costituirsi parte civile, in nome del principio di “giusto processo”.27

Qui, la mobilitazione dei tempi lunghi del dossier è ripresa dai difensori facendola giocare nel senso contrario della figura argomentativa finalizzata a prevedere gli effetti futuri dell’amianto:28 è per contestare le accuse che si fa valere il lungo periodo trascorso. Secondo l’avvocato Di Amato, “non sono stato trovati i documenti, molte testimonianze non esistono più,”29 affermazione quest’ultima che potrebbe prestarsi a un macabro sarcasmo. In più, come riferisce in maniera un po’ meno sintetica la versione in italiano dell’agenzia svizzera ATS, il tempo trascorso “urta con il principio di difesa sancito nella Costituzione. E proprio su questo la difesa ha sollevato una delle cinque eccezioni di illegittimità costituzionale presentate questa mattina, oltre a un’eccezione di competenza territoriale e due eccezioni di nullità su atti del procedimento.”30

Un altro rappresentante della difesa, l’avvocato Alleva, ha tentato tuttavia di contrastare gli accusanti su un punto relativamente preciso. Mentre secondo il magistrato Sara Panelli, Schmidheiny “nel 1976 aveva shoccato 35 manager della Eternit con un rapporto dettagliato sulla cancerogenicità dell’amianto, ordinando poi di focalizzare l’informazione ai dipendenti sul tabagismo come prima causa di mortalità nelle fabbriche”31 l’avvocato ha affermato al contrario: “l’accusa non ha dimostrato l’esistenza di responsabilità di carattere penale per il mio assistito. Lui, all’epoca della sua gestione, tentò di garantire controlli rigorosi dal punto di vista della sicurezza dell’ambiente e dei luoghi di lavoro.”32 E qui arriva una nuova deviazione dal discorso, nell’affermazione che “in materia di amianto sono le autorità pubbliche ad avere accumulato ritardi immensi: a cominciare dal legislatore.”33

Dal punto di vista della “balistica sociologica”34, la difesa deve evidentemente scontare la debolezza dei suoi argomenti, che hanno poche possibilità di essere convincenti nel merito. Di fronte a una campagna di informazione durata decenni e alle evidenze giuridiche, tecniche e scientifiche portate dall’accusa, l’ultima possibilità resta il ricorso ad argomenti procedurali, giocando il diritto contro il diritto, per affermare che il tale non sapeva, o comunque obbediva a degli ordini, e il talaltro non è in questione perché è passato troppo tempo. Ultimo contro-argomento, l’assenza di prove. Come nel celebre aforisma, scurdammoce ‘o passato.

Insomma è sempre nelle temporalità del dossier amianto che risiede anche l’eventuale riserva di forza della difesa di tutti gli accusati potenziali che finora hanno potuto evitare conseguenze giudiziarie, come dimostrato dall’uso della prescrizione e dalle difficoltà a trovare dei testimoni. Se non è il caso del processo di Torino, che crea un grosso precedente (lien vers billet avec Marianne), è certamente il caso di disastri più ristretti dal punto di vista del numero delle vittime e dell’estensione geografica della contaminazione.

"Abbiamo lavorato per vivere, non perdere la vita. Ricordiamo tutte le vittime dell'Amianto" Stele inaugurata a Dunkerque il 10 dicembre 2006

Un caso che farà scuola?

Arriviamo al problema della ricezione del processo nella stampa francofona. E’ significativo che nei media non si metta più in discussione il legame fra le morti e il lavoro sull’amianto. Ci si domanda a questo punto se questo precedente “farà scuola”35 in Francia, dove un processo di queste dimensioni non è mai stato istruito.

Dal punto di vista delle tecniche dell’analisi socio-informatica, abbiamo costruito due corpus, uno francofono e uno italofono, di articoli di giornale dedicati al processo di Torino, ricavati dalle banche dati Factiva e Europresse e pubblicati da gennaio 2009 a ottobre 2011, per confrontarli. Il corpus francofono è stato poi trattato con Prospéro e Marlowe per permettere un confronto più diretto a un corpus più generale, Amiante 2011, costruito con Prospéro nell’ambito  dell’Observatoire informatisé de veille sociologique del laboratorio GSPR.

Osserviamo per cominciare che il numero di articoli dedicati dalla stampa francofona al processo di Torino supera di poco il 10% del numero di articoli comparsi sulla stampa italofona. Nel corpus francofono peraltro, sui 140 articoli raccolti quasi un terzo sono agenzie belghe o svizzere, fatto che si spiega più per la nazionalità degli imputati che per un interesse particolare alla causa dell’amianto. Se osserviamo il grafico delle temporalità del corpus Amiante 2011, possiamo notare che nel periodo scelto, da gennaio 2011 a ottobre 2011, il dossier è grossomodo stabile.

Corpus Amiante 2011 - Grafico delle temporalità

 

Corpus Eternit Grafico delle temporalità

 

Confrontando questo grafico con quello del corpus francofono dedicato al processo di Torino, si può constatare che quest’ultimo ha un peso molto limitato nel dibattito generale sull’amianto, attualmente in corso sulla stampa francofona. Nel primo dei due grafici, i picchi corrispondenti all’arringa di Guariniello in luglio e a quelle degli avvocati difensori in ottobre sono del tutto invisibili.

Anche dal punto di vista dell’analisi del dossier effettuata dal software Marlowe, per non citare che una delle richieste più semplici che si possono indirizzare a questo “sociologo elettronico”, se gli si chiede di esaminare il ruolo delle tre personalità più importanti del dossier sul processo Eternit, nella fattispecie Guariniello, Schmideiny e Cartier, e si ripete l’operazione sui due corpus Eternit e Amiante 2011, nel primo piccolo corpus di 140 articoli, i tre ottengono uno score di rispettivamente 36, 145 e 113 occorrenze, contro le 8, 51 e 44 nel secondo corpus, composto da 1099 articoli.

Mentre in questo secondo caso il software ha difficoltà ad avanzare ipotesi significative, nel caso del dossier Eternit Marlowe ci segnala diversi passaggi che ritiene importanti, fra cui: “in Italia, oltre alla pressione di sindacati e associazioni, l’arrivo del procuratore Raffaele Guariniello ha permesso di trasformare l’affare in processo penale gigante. Questo procuratore pugnace, che ha condotto l’inchiesta per più di cinque anni, preparerebbe già un processo Eternit-bis per difendere altre vittime.”36 Riguardo all’analisi delle personalità degli imputati nell’economia del dossier giudiziario, Marlowe riconosce il loro statuto di attori detti “imprescindibili” nell’affare, indicando i lanci dell’agenzia svizzera ATS come le fonti di informazione più significative sull’istruzione del processo.

Nel più grande corpus  Amiante 2011, al contrario, Marlowe identifica il solo Cartier nella lista delle personalità significative, e in ogni caso non lo definisce in quel contesto che come “uno degli attori principali del dossier complesso”, aggiungendo che si trova questo nome “in posizione centrale nel testo attribuito a Le Vif/L’Express, in data 10 dicembre 2011”,37 dove si riportano le dichiarazioni del suo avvocato che ne chiede l’assoluzione.

E’ facile allora constatare che finora la stampa francese ha quasi ignorato questo processo, tendenza che si conferma nel mese di ottobre. Se la sentenza, attesa per il prossimo febbraio, dovesse essere di condanna, aumenterà anche l’interesse degli osservatori internazionali? E’ legittimo crederlo, ma le conseguenze giuridiche di una condanna eventuale dei dirigenti Eternit non sono facilmente prevedibili: in ogni caso, la conclusione del processo di Torino non è così scontata come il volume apparente delle prove a carico potrebbe far credere.

Nondimeno, i tribunali lavorano ormai su diverse cause, legate all’esposizione all’amianto, che interessano la stampa anche fuori Italia, come lo dimostra l’altro processo contro Eternit aperto a Bruxelles grazie alla perseveranza della famiglia Jonckheere, e che si è appena concluso con una condanna dell’impresa in sede civile.38 Quello che è interessante notare è che il processo di Torino fa ormai figura di caso emblematico, anche prima della sua conclusione, negli articoli che la stampa belga, e più discretamente quella francese, hanno dedicato all’apertura di questo processo. Su 51 articoli che citano il caso belga nel nostro corpus Amiante 2011, 39 citano anche il processo italiano. “Alla vigilia del processo l’Abeva ha diffuso, in una conferenza, il documentario presentato al processo di Torino, Polvere mortale, grido d’allarme delle vittime dell’amianto di Casale Monferrato, in Italia. Per l’associazione belga infatti, se il problema è locale, l’urgenza è globale.”39

L’importanza del processo di Bruxelles è legata al suo carattere di precedente in Belgio, mentre in Francia centinaia di vittime hanno già querelato i loro datori di lavoro: da questo punto di vista, la differenza del processo di Torino sta nell’ampiezza dell’associazione delle vittime e nella gravità delle pene richieste. E’ su questo punto che ci si può chiedere in Francia se il processo di Torino farà scuola, questione alla quale non si potrà rispondere che dopo la sentenza.

Resta il fatto che nessuna condanna pronunciata da un tribunale potrà mai restituire la vita a una vittima e che le strade per vincere nelle controversie non sono necessariamente giuridiche, come dimostrano peraltro le mobilitazioni degli amiantati italiani, anche se il dossier amianto resta quello di una causa quasi esemplare, se presa nel suo sviluppo su diversi decenni.

  1. ATS, Agence Télégraphique Suisse, 8 marzo 2010. []
  2. ATS, Agenzia Telegrafica Svizzera,21 novembre 2011. []
  3. F. Chateauraynaud, Prospéro, une technologie littéraire pour les sciences humaines, Paris, CNRS Editions, 2003. []
  4. F. Chateauraynaud, D. Torny, Les sombres précurseurs : une sociologie pragmatique de l’alerte et du risque, Paris, Editions de l’Ehess, 1999. []
  5. Emmanuel Henry, Amiante : un scandale improbable. Sociologie d’un problème public, Rennes, PUR, 2007 ; Annie Thébaud-Mony, Travailler peut nuire gravement à votre santé. Sous-traitance des risques, Mise en danger d’autrui, Atteintes à la dignité, Violences physiques et morales, Cancers professionnels, Paris, La Découverte, 2008. []
  6. L’Humanité, 10 dicembre 2009. []
  7. La Tribune de Genève, 7 aprile 2009. []
  8. La Repubblica – Torino, 19 luglio 2011. []
  9. F. Chateauraynaud, D. Torny, Les sombres précurseurs, cit., p. 125-166. []
  10. F. Chateauraynaud, J. Debaz, « Retrouver le temps des acteurs dans le temps des corpus », Socio-informatique et argumentation, 10 mars 2010, http://socioargu.hypotheses.org/347. []
  11. Libération, 21 aprile 2009. []
  12. Libération, 16 marzo 2010. []
  13. Ibid. []
  14. Ibid. []
  15. ANSA, 24 novembre 2011. []
  16. Libération, 21 luglio 2011. []
  17. L’Humanité, 26 novembre 2009. []
  18. La Stampa, 6 luglio 2011. []
  19. Citazione testuale del discorso pronunciato da R. Guariniello il 4 luglio 2011, riprodotto nel video richiamato dal collegamento sopra. []
  20. Ibid. []
  21. Ibid. []
  22. Ibid. []
  23. Ibid. []
  24. Ibid. []
  25. Ibid. []
  26. ATS – Agenzia Telegrafica Svizzera, 21 novembre 2011. []
  27. ATS – Agence Télégraphique Suisse, 8 febbraio 2010. []
  28. Si veda anche : F. Chateauraynaud, Argumenter dans un champ de forces: essai de balistique sociologique, Paris, Petra, 2011, p. 180-181. []
  29. ATS – Agence Télégraphique Suisse, 11 ottobre 2011. []
  30. ATS – Agenzia Telegrafica Svizzera, 11 ottobre 2011. []
  31. La Stampa, 8 novembre 2011. []
  32. ATS, Agenzia Telegrafica Svizzera, 21 novembre 2011. []
  33. Ibid. []
  34. F. Chateauraynaud, Argumenter dans un champ de forces, cit., p. 11-28. []
  35. Ouest France, 27 agosto 2011. []
  36. Ouest France, 27 Agosto 2011. []
  37. Christopher Marlowe, rapporto Amiante 2011 del 2 novembre 2011. []
  38. Le Monde, 29 novembre 2011. []
  39. Viva, 27 ottobre 2011. []

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée.